Use Basket | Coach Cioni: meritavamo di andare a gara tre
  • NEWSSerie A1 Femminile

Coach Cioni: meritavamo di andare a gara tre

Serie A1 Femminile | 20 aprile 2021
Dopo la gara l'analisi del tecnico biancorosso: "Una partita del genere ai playoff non può essere decisa da un antisportivo così. Comunque sono orgoglioso di questa squadra, grazie a tutte le ragazze"

L'intervista del dopo-partita non può non toccare quel fischio finale che coach Alessio Cioni ricorderà a lungo, ma il tecnico biancorosso ci tiene anzitutto a dire una cosa prima di affrontare l'argomento. "Voglio fare i complimenti alle ragazze - attacca il coach - sono state bravissime ed hanno interpretato la partita esattamente come l'avevamo preparata. Abbiamo corretto le cose che in gara uno non erano andate bene ed in campo sono state eseguite al meglio. Detto questo, una partita del genere, un quarto di finale playoff, una partita che per noi era da dentro o fuori non può essere decisa da un antisportivo così. Se Ragusa l'avesse vinta all'ultimo tiro con una buona azione sarebbe stato diverso, ma purtroppo così non è andata. Come ho detto altre volte, l'errore ci sta da parte di tutti e quindi anche da parte degli arbitri ma allo stesso tempo ci sta anche il rammarico da parte nostra per un simile epilogo. Peccato, perchè eravamo venute a Ragusa per passare il turno, sapevamo di potercela fare e vincendo gara 2 il favorito, ovvero Ragusa, avrebbe avuto una situazione mentale completamente rovesciata e le nostre possibilità sarebbero aumentate di molto. Così non è andata e quindi ci dispiace molto. Avremmo meritato di giocare almeno un'altra partita".
"Detto questo - conclude il tecnico - non posso che essere orgoglioso delle mie ragazze che hanno fatto un campionato bellissimo e lo hanno dimostrato anche oggi. Mi dispiace solo una cosa, ovvero che non le vedrò più giocare in questa stagione perchè siamo stati benissimo insieme. Questo grazie a tutte quante, dalla prima alla dodicesima, tutte hanno contribuito a questa bellissima annata e le ringrazio tutte allo stesso modo, a partire da Irene Ruffini che non ha potuto giocare la serie playoff e stare con noi. Grazie di cuore".